Il Libro di 1 Cronache?




"Il Libro di 1 Cronache?"

Autore: Il Libro di 1 Cronache non cita il proprio autore. In ogni caso, secondo la tradizione i libri 1 e 2 Cronache furono scritte da Esra.

Datazione: Il libro di 1 Cronache fu probabilmente scritto tra il 450 ed il 425 a.c.

Scopo del Libro: I Libri di 1 e 2 Cronache hanno le stesse informazioni contenute in 1 e 2 Samuele ed in 1 e 2 Re. In ogni caso, nello specifico 1 e 2 Cronache si concentrano sull'aspetto sacerdotale di quel periodo. 1 Cronache fu scritto dopo l'esilio per aiutare coloro che stavano tornando in Israele a lodare Dio. La storia riguarda il Regno del Sud, le tribù di Giuda, Beniamino e Levi. Queste tribù erano le più fedeli a Dio.

Versetti chiave:

1 Cronache 11:1-2, Allora tutto Israele si radunò presso Davide a Ebron, e gli disse: «Ecco, noi siamo tue ossa e tua carne. 2 Anche in passato, quando il re era Saul, tu guidavi e riconducevi Israele; e il SIGNORE, il tuo Dio, t'ha detto: "Tu pascerai il mio popolo, Israele, tu sarai il principe del mio popolo, Israele"».

1 Cronache 21:13, Davide disse a Gad: «Io sono in grande angoscia! Ebbene, che io cada nelle mani del SIGNORE, perché le sue compassioni sono immense; ma che io non cada nelle mani degli uomini!»

1 Cronache 29:11, A te, SIGNORE, la grandezza, la potenza, la gloria, lo splendore, la maestà, poiché tutto quello che sta in cielo e sulla terra è tuo! A te, SIGNORE, il regno; a te, che t'innalzi come sovrano al di sopra di tutte le cose!

Breve Riassunto: I primi 9 capitoli di 1 Cronache sono caratterizzati da elenchi di genealogie, anche se ve ne sono anche altre in tutto il libro di 1 Cronache. Nel corso della narrazione vi è l'ascensione al trono di Davide e la descrizione delle sue azioni, una volta divenuto re. Il libro si conclude con l'incoronazione del figlio di Davide, Salomone, il quale diventa a sua volta re d'Israele. Gli eventi son così suddivisi nel libro: Capitoli 1: 1-9:23- Genealogie; Capitoli 9:24-12:40 – l' ascesa al trono di Davide; Capitoli 13:1-20:30 -il regno di Davide.

Anticipazioni: Nel canto di ringraziamento a Dio da parte di Davide in 1 Cronache 16:33, egli fa riferimento al periodo in cui Dio verrà a giudicare il mondo. Questa dichiarazione anticipa Matteo 25, dove Gesù descrive il momento in cui Egli verrà a giudicare il mondo. Nella parabola delle dieci vergini e dei talenti, Egli avverte che coloro che saranno trovati senza il sangue di Cristo a ricoprire i loro peccati, saranno maledetti nell'oscurità. Dunque Egli incoraggia il Suo popolo ad essere pronto per quando Dio verrà a separare le pecore dalle capre durante il Suo giudizio.

Nel capitolo 17 viene ripetuto il patto con Davide che si riferisce al futuro Messia che discenderà da Davide. Nel versetti 13-14 viene descritto il Figlio che stabilitosi nella casa di Dio, avrà il trono per sempre. Questo fa riferimento a Gesù Cristo.

Applicazione Pratica: le genealogie come quelle di 1 Cronache possono apparire aride, ma ci ricordano che Dio conosce personalmente ognuno dei Suoi figli, persino il numero dei capelli che hanno sul capo (Matteo 10:30). Possiamo trarre conforto nella consapevolezza che ciò che facciamo e ciò che siamo è impresso per sempre nella mente di Dio. Se apparteniamo a Cristo, i nostri nomi sono scritti per sempre nel libro della Vita (Apocalisse 13:8).

Dio è fedele verso il Suo popolo e mantiene le Sue promesse. Nel libro di 1 Cronache, vediamo la realizzazione della promessa di Dio verso Davide quando lo rende Regnante su tutta Israele (1 Cronache 11:1-3). Perciò sappiamo che anche le Sue promesse verso di noi si realizzeranno. Egli ha promesso benedizioni a coloro che lo seguono, a coloro che vanno verso Cristo, pentendosi ed obbedendo alla Sua Parola.

L'obbedienza porta benedizioni, la disobbedienza porta al giudizio. Nel libro di 1 Cronache, come in 1 e 2 Samuele e come in 1 e 2 Re, vi è una cronaca del peccato, pentimento, perdono, e della finale restaurazione della nazione d'Israele. Nello stesso modo, Dio è paziente con noi, perdona i nostri peccati quando andiamo da Lui sinceramente pentiti (1 Giovanni 1:9). Infine possiamo trarre conforto dalla consapevolezza che Egli ascolta le nostre preghiere di dolore, perdona i nostri peccati, restaura una relazione con noi e ci conduce su un sentiero di gioia.


Torna alla home page italiana

Il Libro di 1 Cronache?